Sei gradi di separazione musicale

L’altra sera, tornando a casa in auto in orario per me insolito, sono capitato sulle frequenze di Radio3. Da quando hanno preso il vizio di stravolgere i palinsesti delle uniche due emittenti che mi calzavano con un certo agio, ovvero Radio1 e Radio2 (cancellando avventatamente quel Condor che accompagnava con assiduità i miei tragitti casa-asilo-casa), sono tornato nomade dell’etere. Noto che sempre più spesso capito su Radio3, sarà un caso. Ne parlo perché quest’ultima volta mi sono preso una cotta per una trasmissione di cui finora ignoravo l’esistenza. Si chiama Sei gradi e, come il nome lascia intuire, gioca con le teorie del piccolo mondo esplorando «i fili e i legami tra le musiche e tra i musicisti, intrecciando le biografie dei musicisti, gli stili, i corsi e ricorsi storici, gli inciampi delle carriere e le affinità elettive». Da Beethoven ai Velvet Underground passando per David Bowie, per dire. Dai Police a Francesco Guccini attraverso le Puppini Sister. Rilassante, competente, stimolante. Ogni giorno alle 18, ma per fortuna sul sito si trovano le registrazioni delle puntate e ci si può abbonare al podcast.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail