Trovo significativo che, nel prendersi la briga di rispondere alle critiche contro il famigerato emendamento 50-bis di cui è proponente, il senatore Gianpiero D’Alia abbia trovato il tempo e il modo di distiguere tra gli insulti ma non di rispondere nel merito delle poche e semplici obiezioni tecniche che venivano rivolte alla sua norma. Altrettanto interessante è il rifiuto di partecipare a un confronto aperto con gli argomenti e le esperienze della rete. È un vero peccato, soprattutto perché se la politica non fa la sua parte per uscire dal pantano emotivo e non coglie le occasioni di discutere sui fatti nemmeno nei rari casi in cui ha davanti braccia tese, difficilmente potremo mai tornare a ragionare su nulla in questo paese.

E comunque è già venuto il momento di occuparsi di altro (di molto altro).