Nô che i sin stâts
laris di cjariesis,
sassins di bausiis,
presonîrs di svui,
plens di fan di peraulis,
cjocs di avignî.
Nô, che i vin passât
la vite scoltant
l’aiar,
il cîl,
il sunsûr dal timp.
Nô, che i vin ingropât
il cûr
intor di une niule,
la anime
intor de lune,
lis mans
intor dal lusôr.
Nô, ancjemò no vin pierdût
il jessi
sium e vele
aghe e burlaç
bore e cinise
baraç e prât.
Nô, ultins cingars
ultins cjaradôrs
ultins contesflocjis.
Nô, cumò, ultins
sotans di incjants.

(Giuliana Pellegrini, Nô…, 2007)

Noi, che siamo stati
ladri di ciliegie,
assassini di bugie,
prigionieri di voli,
affamati di parole,
ubriachi di avvenire.
Noi, che abbiamo passato
la vita ascoltando
il vento,
il cielo,
il rumore del tempo.
Noi, che abbiamo annodato
il cuore
attorno a una nuvola,
l’anima
attorno alla luna,
le mani
attorno alla luce.
Noi, ancora non abbiamo perso
l’essere
sogno e vela
acqua e tempesta
tizzone e cenere
rovo e prato.
Noi, ultimi zingari
ultimi carrettieri
ultimi ciarlatani.
Noi, ora, ultimi
schiavi di incanti

 

Giuliana Pellegrini, anima colma di severo splendore, grazie per la bellezza e per le premure. Mi lasci molti più sorrisi di quanti sia riuscito a restituirti. È stato un privilegio, oltre che un inaspettato regalo del caso, conoscerti. I miei pensieri accompagnano questo tuo nuovo viaggio incantato.