Ci mancava la proposta Cassinelli-Concia

Alessandro Gilioli, che ha il pregio di essere molto più realista di me, nel presentare l’appello di cui sotto coglie l’occasione per lanciare contestualmente la proposta di legge bipartisan Cassinelli-Concia. Lo dico senza giri di parole: a me il testo Cassinelli-Concia pare il classico compromesso all’italiana per accontentare superficialmente tutti senza di fatto cambiare nulla e procrastinare di anni ancora il problema. Tolta l’identificazione tramite cellulare, che snellisce semplicemente una procedura ritenuta necessaria soltanto in Italia (anche a Dubai, mi dicono), per il resto il testo non agisce in modo strutturale su nessuno dei freni che la legge Pisanu ha posto dal 2005 a oggi allo sviluppo della rete. Né mi aspetto che la discrezionalità di cui si vorrebbe rivestire il ministro dell’Interno cambi le sorti di una normativa che resta ottusa, vincolante e ispirata da una situazione di emergenza dichiaratamente temporanea.

Vorrei che fosse chiaro il termine di paragone: in tutto il mondo, per lo meno nelle democrazie compiute, per dare accesso alle persone non serve fare altro che procurarsi la banda necessaria e un buon router. Qui da noi bisogna prima registrarsi in Questura come fornitori del servizio e poi – per lo meno fino al 31 dicembre 2009 – identificare fisicamente chiunque utilizzi la connessione e tenere traccia di tutte le sue navigazioni nell’ipotesi che la magistratura se ne interessi. La proposta Cassinelli-Concia agirebbe soltanto sull’identificazione fisica, che sarebbe sostituita con procedure più immediate grazie all’interazione con la sim card del telefono cellulare (per ottenere la quale abbiamo a suo tempo dovuto presentare la carta di identità). Questo renderebbe giusto un po’ più agevole la gestione corrente dell’accesso WiFi, ma non cambierebbe la sostanza: per il gestore del servizio restano tutte le complicazioni burocratiche e amministrative. E sono queste, prima che il fotocopiare e archiviare carte di identità, che fa rinunciare a prescindere chi vorrebbe moltiplicare i punti di accesso e costruire iniziative appoggiandosi a Internet.

Dicevo che mantenere la legge Pisanu sarebbe stato come se dopo gli anni ’70 fossimo rimasti alla teleselezione tramite operatore. La proposta Cassinelli-Concia si limita a prevedere che alcune telefonate, a discrezione del gestore telefonico, possano essere instradate automaticamente e che al posto del gettone si possa usare anche la carta di credito. Capirai.

Ciò che più mi turba è che la proposta Cassinelli-Concia fornisce una via d’uscita onorevole al governo e al parlamento, i quali non hanno né il tempo, né l’interesse, né la cultura digitale necessaria per comprendere l’effetto delle loro decisioni. La legge Pisanu potrebbe a questo punto essere tranquillamente prorogata come da copione, con la promessa di emendarla al più presto con questa proposta bipartisan. Di qui in poi ce la giochiamo di nuovo: potrebbe non cambiare nulla per un altro anno oppure migliorare semplicemente la gestione dell’identificazione. A me non sembra un risultato soddisfacente. Resto convinto che è necessario far scadere la legge Pisanu a fine anno, per lo meno nelle sue previsioni sulla sicurezza informatica e sull’accesso a internet. Se poi si vorrà rimettere mano alla legislazione del settore, che sia finalmente una legge meditata, contemporanea, competente e soprattutto definita nell’interesse della nazione. Non vi sfugga il legame: se scade la Pisanu, la proposta Cassinelli-Concia non ha più alcun motivo di esistere, perché altro non è che un emendamento a un articolo della Pisanu stessa. Una ragione in più per fare pressione contro la legge attualmente in vigore, dal mio punto di vista.

Aggiornamento, ore 13.30: l’on. Roberto Cassinelli spiega la sua proposta di legge, presentata alla Camera il 19 novembre scorso.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

10 pensieri su “Ci mancava la proposta Cassinelli-Concia”

  1. Guardi, lei si sbaglia. In realtà il comma del decreto Pisanu che regolamenta l’identificazione non ha scadenza. Quindi, c’è proprio bisogno di una proposta di legge che lo modifichi!

  2. Mai fidarsi dei giornalisti, me lo diceva mio nonno. E neanche di Gilioli, nient’affatto: vedi cosa ti combina adesso.
    Mi fido invece di Sergio Maistrello, giornalista o no che sia, e la mia firma resta lì fintanto che Sergio non riterrà, nel caso, di ritirarla, magari per rilanciare in altro modo la stessa battaglia, fatta come si deve e senza ipocrite “onorevoli vie d’uscita” da buona coscienza a buon mercato per tutti.

  3. L’identificazione via cellulare è assurda, vuol dire che chi non ha un cellulare (o un numero di cellulare italiano!) non può usufruire dei servizi Wi-Fi.
    Ero a una conferenza organizzata dal ministero delle comunicazioni un paio d’anni fa, e gli ospiti stranieri (si parlava di Internet, futuro, blabla) non hanno potuto connettersi!
    Bella figura, come al solito.
    In Francia, ad esempio, le reti WiFi dei ristoranti e dei bar sono aperte. Magari l’utilizzo è limitato (un’ora al bar sotto casa mia), ma insomma…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *