Giornalismo e nuovi media

» vedi anche gli altri libri e quello che faccio per lavoro

La copertina di Giornalismo e nuovi media

Sergio Maistrello
Giornalismo e nuovi media
L’informazione al tempo del citizen journalism
Pagine 240, 15 €
Apogeo, 2010
ISBN 978-88-503-2949-6

Consulta: l’indice, l’introduzione

Il libro su: Facebook, Apogeonline, aNobiiGoodReads, Google BookSearch

Puoi acquistarlo anche su : Amazon, laFeltrinelli.it, IBS.it, inMondadori, Hoepli.it. In formato ebook su: AmazonBookrepublicSimplicissimus, laFeltrinelli.it, IBS.it, inMondadori



Di che cosa parla:

Come evolve il giornalismo, stretto tra la crisi epocale dell’industria tradizionale e i nuovi spazi di espressione offerti dai network digitali? Quali competenze deve avere un professionista dell’informazione per sopravvivere in un ambiente in cui non ha più il monopolio delle notizie? Quali sono le nuove grammatiche con cui è necessario prendere confidenza? Il libro parte dalle nuove dinamiche sociali promosse dalla Rete e, passando attraverso un’approfondita divulgazione degli strumenti e delle pratiche emerse finora, esplora il loro impatto sul giornalismo. Dal viaggio tra i colossi editoriali alla ricerca di nuove modalità operative e tra gli avamposti più innovativi dell’informazione collaborativa emerge la consapevolezza che il giornalismo non solo non viene rinnegato in questo passaggio storico, ma – liberato dalle rigidità commerciali ed editoriali degli ultimi decenni – ha semmai l’opportunità di vivere una nuova fase di prosperità.

Le persone non hanno più bisogno a tutti i costi di mediatori. La società in Rete sta imparando a comunicare, a informarsi, a condividere cultura, a commerciare, ad amministrarsi, a divertirsi, a progettare al di là di ogni forma di mediazione conosciuta in precedenza. Sebbene le prime manifestazioni di tutto ciò possano apparire rozze e imperfette, miglioreranno in fretta. […] Se l’editoria fa il suo ingresso nel suo decennio più drammatico, il giornalismo potrebbe invece uscire da questo passaggio storico paradossalmente rafforzato. Restano sfide vitali, una per tutte la ricostruzione su nuove basi di un’economia che garantisca la professionalità. Ma in un mondo in cui molte più informazioni sono disponibili a un numero maggiore di persone cresce la necessità di una figura indipendente che possieda strumenti tecnici e culturali per fare sintesi, per gettare ponti tra le specializzazioni, per comporre scenari. Un professionista consapevole di non avere più né l’esclusiva né deleghe in bianco, che si accontenti spesso di arrivare in seconda battuta sui fatti a fronte di maggiore approfondimento e che sia in grado di lavorare insieme ai tanti nuovi soggetti che affollano lo spazio pubblico delle idee e delle opinioni, a cominciare dai suoi stessi concittadini. Non sarà come prima, ma non sarà necessariamente peggio di prima. – dall’introduzione

Editori e giornalisti sopravvivranno se sapranno produrre il migliore giornalismo possibile, quello che serve la società, eleva gli standard di riferimento, esalta i talenti e stimola l’intero ecosistema a dare il meglio di sé. Perfino l’affannosa ricerca di un modello commerciale non può che venire in secondo piano rispetto a questa priorità. È il giornalismo la via d’uscita dalla crisi del giornalismo. – dalle conclusioni




Recensioni e segnalazioni su stampa, radio, tv:

(le recensioni sono evidenziate in grassetto)




Recensioni e segnalazioni su blog e social network:

(le recensioni sono evidenziate in grassetto)




Il libro è stato adottato come testo nei seguenti corsi:

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

25 pensieri su “Giornalismo e nuovi media”

  1. Pingback: La conferenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Giornalista artigiano, esploratore interconnesso, innovatore periferico, cittadino inquieto