Oggi che tutto funziona per il meglio, che l’accredito è sistemato e che il programma è meno rigido nel protocollo ufficiale, ho scoperto di aver vissuto per 24 ore solo nel retro di Villa Erba. E ho scoperto improvvisamente un parco meraviglioso sulla riva del Lago, una villa magnifica e accogliente. E un buffet ministeriale degno di questo nome. In fondo basta poco per confondere un giornalista.