Leggo un po’ ovunque riflessioni e sondaggi sulle parole e sulle immagini del 2004. Io detesto i bignami e le semplificazioni di fine anno. Però, pensandoci un attimo: l’eredità del 2004, per come la vedo io, è l’assassinio dello stupore. Ancor più del 2001, se possibile, anno che ha iniziato il trend in modo traumatico.

Nel giro di dodici mesi – tra decapitazioni, scuole saltate in aria con bimbi dentro, attentati veri e presunti, torture di Stato, plateali intrighi politici interni e internazionali e quant’altro – è stato alzato in modo terrificante il senso comune di ciò che è stupefacente, di ciò che ha la forza (mediatica e non) di indignarci, di ciò che resta impressionante e inaccettabile anche dopo una notte di buon sonno.

Non credo sia una buona cosa.