Top

Category: Segnalo

Aprile 19 2010

Dopo esserci stato per curiosità l’anno scorso mi ero ripromesso di non perdere più un’edizione. Dopo aver visto il programma di quest’anno mi ero detto che sarebbe stato proprio imperdibile. Infatti sono costretto a perdermelo, per accumulo di arretrati familiari e professionali. Ma almeno voi che potete, andateci a Perugia da mercoledì.

Aprile 15 2010

Domattina, nell’ambito del festival Le voci dell’inchiesta di Pordenone, modero un incontro dedicato alla Clip culture, ideale festeggiamento del quinto compleanno di YouTube. Appuntamento alle 9 alla sede universitaria di via Prasecco, per chi si trova a Pordenone. Per tutti gli altri, dovrebbe essere disponibile una diretta web. Si parlerà di alcune esperienze originali nell’ambito della creatività multimediale promossa dalla rete, come la Banca della Memoria, Italiani di Frontiera, Scenari di RaiNews24 e Dice Che, chiacchiere e videogiornalismo di abruzzesi terremutati.

La rete ha cambiato il nostro modo di pensare? Certamente ha modificato il rapporto delle giovani generazioni con il cinema e la televisione. Sono passati solo cinque anni dalla nascita di YouTube (il primo video vi fu caricato il 23 aprile 2005) e ogni mese più di venti milioni di nuovi filmati, per lo più autoprodotti, vengono caricati sul noto sito di video sharing. Ma internet non è solo questo: è una fonte inesauribile di informazioni e di notizie giornalistiche, uno sconfinato territorio da esplorare, un luogo di incontro e di scambio, un gigantesco archivio audiovisuale che riduce progressivamente il rischio (qualcuno dice: la libertà) di dimenticare.

Marzo 1 2010

Mercoledì prossimo, 3 marzo, sono ospite di Ustation e dell’Università di Trieste per un dibattito sugli ebook e sulla scrittura al tempo dei nuovi media. Partecipano all’incontro Giulia Blasi (blogger e scrittrice), Ivano Costa (Market&Product Innovation di Telecom Italia), Francesco Forlani (redattore di Nazione Indiana), Oliviero Ponte Di Pino (direttore editoriale di Garzanti), Vittorio Pasteris (giornalista ed esperto di scritture per il web), Giuseppe Battelli (preside della Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Trieste) e Roberto Toffolutti (responsabile dell’emittente universitaria Radio InCorso). Appuntamento alle 14.30 in Aula Magna (sede centrale). Gli organizzatori fanno sapere che il dibattito sarà trasmesso anche in diretta streaming. Mi sembra interessante segnalare che all’iniziativa di Ustation è collegato un concorso sul giornalismo partecipativo per studenti universitari e neolaureati, in scadenza il 14 marzo.

Febbraio 26 2010

Internet, if you need some good first hand hints in english about the Google trial in Italy, please take a look at Elvira Berlingieri’s place:

Many things have been said so far. As for now, anyway, no one knows what the judge stated in his decision since it has still to be made available to the public. I’d like to give my take trying to explain what we know now about the verdict and to give an overview about the laws stated in the indictment.

So the first hard question to give an answer to is if it’s possible, according Italian law, to deem the executives of a content provider be liable for a crime committed by their users.

The case law decided on the 24 of February gives two different answers to this question, both very interesting and possibly scary at the same time.

During the trial, in fact, Google’s executives have been indicted with two charges: defamation and illicit processing of personal data.

The judge has acquitted all of the Google employees for the charge of defamation which means that the Italian court itself acknowledged that internet content providers have no obligation to control the content their users upload on their servers. The acquittal verdict was, in fact, “not guilty”. This opinion is shared by one of the Google`s executives lawyers, Giuseppe Vaciago who thinks that the acquittal from the charge of defamation can exclude an obligation for providers to control their users` content.

As for the second charge, instead, we have a completely different scenario. As for now, as Vaciago himself stated, we only know that actually the charges for the failure to comply with the privacy regulations were two, but we do not know yet for which of the two (or if for both) the Google executives were found guilty.

Please, continue reading on Elvlog

Febbraio 20 2010

Due segnalazioni che incrociano in modo interessante le parole chiave internet, politica e Italia. Riguardano più o meno direttamente due amici, lo dico per inciso, ma sono iniziative che avrei apprezzato anche senza conoscere nessuno dietro le quinte.

Il primo è La Toscana che voglio, un social-coso collegato alla campagna di Enrico Rossi per le locali elezioni regionali (da studiare attentamente entrambi i siti, dietro c’è Antonio Sofi). L’idea è semplice e declina i meccanismi classici dei social-cosi: si può condividere un pensiero sul futuro della Toscana e votare quelli degli altri, facendo emergere le idee più interessanti. Accanto a ciò, ogni giorno c’è un delizioso montaggio redazionale di opinioni raccolte tra personaggi pubblici e gente comune (compito a casa per l’aspirante analista politico: prendere un programma televisivo come Secondo Voi, prendere queste interviste e tracciare le differenze). Dietro a una facciata allegra, quasi giocosa, La Toscana che vorrei prova a raccontare in modo differente un progetto politico, mettendosi al servizio delle idee degli altri, piuttosto che ripetendo a pappagallo le proprie. Tesse una rete spontanea, che aggrega energie e attenzione; fa sentire le persone accolte, ascoltate; assorbe idee e cultura del territorio; supera collettivamente le banalizzazioni dei luoghi comuni, filtrando insieme umanità e guizzi di luce. Inoltre, motivo per cui sono spinto a segnalarlo, a me ha strappato almeno tre sorrisi in cinque minuti di visita. Qual è l’ultima volta che una campagna elettorale vi ha fatto sorridere?

La seconda segnalazione è per The European roundup, una nuova rubrica che Antonella Napolitano tiene tre volte alla settimana sul blog del Personal Democracy Forum. Idea pulita pulita di quelle che dici “e che ci voleva”, ma intanto non lo faceva nessuno: tenere traccia delle idee, delle esperienze, dei dibattiti su internet e politica in tutta Europa. Una delle conclusioni emerse a Barcellona, nel corso della prima edizione del Pdf Europe, è che nel Vecchio Continente ci sono tanti contesti nazionali ma non ancora uno spazio di dialogo continentale. Non ci percepiamo ancora come una realtà politica dentro alla quale il destino di un Paese è legato a quello degli altri. Quello che serve è costruire ponti e sono anche e soprattutto piccole iniziative come quella di Antonella, sentieri tracciati in un bosco che ci pare inaccessibile, ad aiutarci a mettere un po’ per volta il naso a casa degli altri. In due numeri della rubrica (peccato che il blog del Pdf non consideri l’utilità delle categorie e non produca un indice ad hoc, btw), ho già scoperto due luoghi interessanti: laDemocrazia e l’arricchito spazio per le notizie di attualità in 11 lingue del Parlamento europeo.

Febbraio 8 2010

L'anteprima testuale del link
Ci sono piccole innovazioni che possono contribuire in modo sensibile a evolvere il modo in cui stiamo in rete e facciamo cose attraverso la rete. La “parte abitata” del web, in fondo, è nata così: da una serie di intuizioni individuali che sono diventate comportamento collettivo e poi comunità di pratiche, formando prima una sensibilità e poi di conseguenza adattando allo scopo la tecnologia. Da una fase di scoperta e adattamento, ora blog e social network sono passati a una fase operativa, di penetrazione nella società. È sempre più raro, in altre parole, trovarsi di fronte a quelle piccole idee che ti accendono una lampadina e ti fanno guardare in modo nuovo a ciò che hai sempre avuto sotto gli occhi.

Ecco, stamattina dopo molto tempo mi si è accesa una lampadina. Tutto merito di Pier Luca Santoro, di cui da tempo apprezzo l’acuto blog con cui guarda il mondo dell’editoria dal punto di vista inconsueto di un’edicola. Stamattina leggevo il suo ultimo post sull’aggregatore quando sono passato per caso su un link ed è comparsa una significativa anteprima della risorsa citata. Blink! E che ci voleva? La sintassi Html di un link prevede, in effetti, un attributo title che sarebbe buona pratica utilizzare sempre per fornire una sintetica descrizione della risorsa citata. Migliora l’usabilità dei contenuti, è fondamentale per chi consulta il web con sintesi vocali e può dare appigli creativi a chi deve ottimizzare la pagina per una migliore indicizzazione nei sistemi di ricerca e di aggregazione. Fretta e pigrizia fanno sì che, anche laddove il sistema di pubblicazione fornisca una griglia di inserimento del title mentre si incolla il link (lo fa WordPress, per esempio), si sottovaluti ampiamente l’opportunità fornita da questo campo.

Ora, io ho visto spesso utilizzare il campo title per inserire il titolo della pagina citata o una breve descrizione. Così come è piuttosto scontato commentare in questo modo i link del proprio blogroll (io lo faccio correntemente soprattutto su Factcheck.it, per esempio). Ma non avevo ancora collegato questo attributo alla possibilità di fornire un’anteprima specifica del contenuto che riteniamo rilevante segnalare ai nostri lettori. Per un periodo ha furoreggiato un plug-in di WordPress che, sulla base di un’intuizione simile, mostra un’anteprima grafica della pagina di destinazione, ma a mio parere l’immagine appesantisce inutilmente la navigazione, infastidisce spesso chi consulta i contenuti e non fornisce una reale contestualizzazione del contenuto linkato. Sul mio blog, per dire, non è arrivato al secondo giorno. Più interessante sarebbe, semmai, un plug-in in grado di assistere e la composizione del campo title in funzione dei contenuti citati, semplificando ulteriormente la procedura.

Dice Pier Luca che l’idea gli è venuta osservando il comportamento dei suoi lettori: pochissimi cliccano sui link e visitano i link segnalati. È una caratteristica nota, ne parlava anche Giuseppe Granieri a proposito di blogosfera molle. Poiché spesso il link non è solo segnalazione, ma anche contestualizzazione, Santoro ha pensato di rendere visibile almeno in parte il senso che lui associa a quello specifico collegamento ipertestuale. Non ha inventato nulla, certo, ma ha adattato in modo creativo e insolito un’opportunità tecnica a un’esigenza più che mai attuale. Richiede tempo e pazienza, allunga i tempi di scrittura dei contenuti, ma – aggiungendosi alla lista dei microcontenuti possibili – si avvia decisamente verso la conquista di una scrittura profonda così chiaramente incentivata dal web. Grazie a Pier Luca per lo stimolo, che ho provato ad applicare già a questo post.

Dicembre 31 2009

Giusto per chiudere una questione aperta qualche mese fa e portata avanti insieme a un bel po’ di amici, oggi è uscito in Gazzetta Ufficiale il decreto milleproroghe che proroga di un altro anno l’articolo 7 della legge Pisanu (sì, quello che vincola il WiFi negli esercizi pubblici ad autorizzazione preventiva e identificazione degli utenti). Ora aspettiamo il percorso parlamentare di conversione del decreto, ma non sono attesi colpi di scena. Non c’è molto da aggiungere, ho già espresso abbondantemente la mia opinione. Vista l’aria che tira, il rinnovo della Pisanu era il meno che potesse accadere. Resta la sensazione di una classe dirigente che sta rallentando pesantemente l’economia legata alle reti di comunicazione. Peccato.

Comunque la pensiate e dovunque voi siate, che sia un buon anno!

Dicembre 3 2009

L’ex ministro Beppe Pisanu risponde ad Alessandro Gilioli in merito all’omonimo decreto di cui stiamo parlando da qualche tempo.

«Non pensa che il decreto del 2005 sui punti Internet pubblici e in particolar modo sul Wi-Fi sia da modificare in senso meno restrittivo?».

«Ritengo di sì, tenendo conto, da un lato, che le esigenze di sicurezza sono nel frattempo mutate e, dall’altro, che l’accesso ad internet come agli altri benefici dello sviluppo tecnologico deve essere facilitato».

Novembre 24 2009

Vedo con piacere che in questi giorni qualcosa si sta muovendo intorno alla legge Pisanu, contro il cui rinnovo mi ero espresso qualche settimana fa su Apogeonline. L’Espresso in edicola riprende quell’appello, nell’ambito di un articolo di Alessandro Gilioli dedicato alla nuova percezione di internet come diritto fondamentale dei cittadini. Interessante è anche il fatto che contro le rigidità della legge Pisanu si sia espressa nel fine settimana anche il ministro del turismo Michela Brambilla, secondo la quale è necessario semplificare e liberalizzare la connettività per i turisti che soggiornano in Italia. Poiché in tutto il mondo si naviga con sempre maggiore facilità, dice il ministro, le limitazioni italiane rischiano di rendere il nostro paese meno appetibile. Tra le righe il ministro Brambilla dice esplicitamente: «Il decreto Pisanu, che pure aveva alla base una finalità positiva, ha rappresentato indirettamente un freno alla crescita tecnologica e alla diffusione dei punti di accesso ad internet». Certo sarebbe opportuno preoccuparsi dei cittadini italiani prima che dei turisti, ma mi sembra comunque interessante che anche in ambito governativo si vada diffondendo una sensibilità ostile ai vincoli artificiali nella diffusione della rete.

Novembre 19 2009

Sono in partenza per Barcellona, dove venerdì e sabato si tiene la prima edizione europea del Personal Democracy Forum (nel 2008 sono stato invece all’edizione madre di New York). I temi sono quelli usuali: internet, social media, collaborazione, partecipazione, democrazia emergente, implicazioni sulla società. In questo caso però sono molto curioso di vedere all’opera una rete di persone e di esperienze di stampo e sensibilità tutto continentale. Tra l’altro non sono pochi gli italiani inseriti in programma (day 1, day 2): Antonella Napolitano, Antonio Sofi, Diego Bianchi e Alberto Cottica. Per quanto possibile, raccoglierò e rilancerò segnali.

Al Pdf Europe dovrebbe anche essere presentata la bozza definitiva della Dichiarazione aperta sui servizi pubblici europei, un documento collaborativo messo a punto nei mesi scorsi con il quale si vorrebbe sensibilizzare i governi dell’Unione – riuniti a Malmo negli stessi giorni – al ripensamento delle amministrazioni in chiave di trasparenza, di partecipazione e di abilitazione dei cittadini (empowerment). Questo è il testo (nel sito è disponibile anche una traduzione italiana):

An Open Declaration on European Public Services

The needs of today’s society are too complex to be met by government alone. While traditional government policies sought to automate public services and encourage self-service, the biggest impact of the web will be in improving services through collaboration, transparency and knowledge-sharing.

Europe should grasp this opportunity and rebuild the relationship between citizens and the state by opening up public institutions and by empowering citizens to take a more active role in public services.

As citizens, we want full insight into all the activities undertaken on our behalf. We want to be able to contribute to public policies as they are developed, implemented, and reviewed. We want to be actively involved in designing and providing public services with extensive scope to contribute our views and with more and more decisions in our hands. We want the whole spectrum of government information from draft legislation to budget data to be easy for citizens to access, understand, reuse, and remix. This is not because we want to reduce government’s role, but because open collaboration will make public services better and improve the quality of decision-making.

Against this background, we propose three core principles for European public services:

1.       Transparency:  all public sector organisations should be “transparent by default” and should provide the public with clear, regularly-updated information on all aspects of their operations and decision-making processes. There should also be robust mechanisms for citizens to highlight areas where they would like to see further transparency. When providing information, public sector organisations should do so in open, standard and reusable formats (with, of course, full regard to privacy issues).

2.       Participation: government should pro-actively seek citizen input in all its activities from user involvement in shaping services to public participation in policy-making. This input should be public for other citizens to view and government should publicly respond to it. The capacity to collaborate with citizens should become a core competence of government.

3.       Empowerment: public institutions should seek to act as platforms for public value creation. In particular, government data and government services should be made available in ways that others can easily build on. Public organisations should enable all citizens to solve their problems for themselves by providing tools, skills and resources. They should also treat citizens as owners of their own personal data and enable them to monitor and control how these data are shared.

We recognise that implementing these principles will take time and resources as governance mechanisms will have to be adapted, but we believe they should be at the heart of efforts to transform government. Citizens are already acting on these ideas and transforming public services “from the outside”, but governments should support and accelerate this process.

We call on European governments and the European Commission to incorporate these principles in their eGovernment action plans and ensure that Europe’s citizens enjoy the benefits of transparent, participative, empowering government as soon as possible.

Per chi fosse interessato, sono aperte le sottoscrizioni al documento.  Lo scopo degli organizzatori naturalmente è quello di raggiungere il più ampio supporto possibile da parte dei cittadini. Come spiega David Osimo, che ha coordinato il progetto, «we manage to get the endorsement of gov2.0 enthusiasts (the Lisa Simpson) but struggled to involve the wider public (Bart Simpson)».

1 2 3 4 5 18